SCADENZA AGGIORNAMENTO FORMAZIONE SICUREZZA

Gennaio 2017: si avvicina la scadenza per  l’aggiornamento in merito alla sicurezza sul lavoro!

Sono trascorsi ormai 5 anni dall’entrata in vigore dell’Accordo Stato Regioni, il 21 dicembre del 2011.

Per coloro che avevano svolto formazione riconosciuta prima dell’11 gennaio 2012  e che quindi in questi anni sono stati esentati dai corsi di formazione si avvicina la scadenza entro cui provvedere all’aggiornamento entro l’11 gennaio 2017 (art. 11 Accordo Stato Regioni).

Le sanzioni

In caso di mancata formazione il datore di lavoro è soggetto alle sanzioni previste dal D.lgs 81/2008, come modificato dal Jobs Act (art. 20 del D.lgs 151/2015 – che inserisce il 6-bis all’art 55 del testo unico sicurezza “«6-bis. In caso di violazione delle disposizioni previste dall’articolo 18, comma 1, lettera g), e dall’articolo 37, commi 1, 7, 9 e 10, se la violazione si riferisce a piu’ di cinque lavoratori gli importi della sanzione sono raddoppiati, se la violazione si riferisce a piu’ di dieci lavoratori gli importi della sanzione sono triplicati.»)

  • fino a 5 lavoratori non formati: da due a quattro mesi di arresto, o l’ammenda da 1.315,20 a 5.699,20 euro;
  • Da 6 a 10 lavoratori: da quattro a otto mesi di arresto o ammenda fino a 11.398,40 euro;
  • Oltre i 10 lavoratori: da sei mesi a un anno di arresto, ammenda fino a 17.097,60 euro

Inoltre gli enti di controllo puntualizzano che i lavoratori che svolgono determinati ruoli come preposti, dirigenti o RSPP, perderanno i requisiti per poter svolgere il ruolo e di conseguenza la possibilità di operare fino al completamento della formazione.

Lavoratori, preposti, dirigenti: a chi si applica l’obbligo

Obbligo di 6 ore entro il 11 gennaio 2017 (nota ACCORDO 25/07/2012: si ritiene che i 5 anni di cui agli accordi decorrano sempre a far data dal giorno della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale e, quindi, sempre considerando il quinquennio successivo l’11/01/2012) per:

  • LAVORATORI GIÀ ASSUNTI con formazione già effettuata al 11/01/2012 (comprovata dal datore di lavoro) e fatta dopo il 11/01/2007, documentata e rispettosa dei contratti collettivi e di norme precedenti all’Accordo (es. DM 16/01/97 art. 1, D.Lgs. 81/08 art. 37).
  • PREPOSTI GIÀ ASSUNTI O NUOVO RAPPORTO DI LAVORO PROVENIENTI DA ALTRA AZIENDA con formazione già effettuata al 11/01/2012 e fatta dopo il 11/01/2007, documentata correttamente, rispettosa dei contratti collettivi e di norme precedenti all’Accordo (es. DM 16/01/97 art. 1, D.Lgs. 81/08 art. 37).
  • DIRIGENTI GIÀ ASSUNTI O PROVENIENTI DA ALTRA AZIENDA con formazione già effettuata al 11/01/2012, documentata correttamente e conforme a art.3 DM 16/01/97 o modulo A per RSPP (rif. accordo 11/01/2006).

RSPP datori di lavoro: a chi si applica l’obbligo

Obbligo di aggiornamento calcolato in relazione al settore ATECO di appartenenza dell’azienda:

  • 6 ore rischio basso
  • 10 ore rischio medio
  • 14 ore rischio alto

Si applica a:

  • DATORE DI LAVORO Nomina RSPP EFFETTUATA DOPO IL 01/01/1997 con formazione già effettuata al 11/01/2012 conforme al DM 16/01/1997 art. 3 e documentata.
  • DATORE DI LAVORO Nomina RSPP EFFETTUATA DOPO IL 01/01/1997 con formazione già effettuata al 11/01/2012 conforme ad accordo Stato Regioni 11/01/2006: Moduli A,B,C (rif. D.Lgs. 81/08 art. 32 c. 2, 3, 5).

A queste figure, ricordiamo che si aggiungeranno mano a mano coloro che hanno svolto la formazione iniziale proprio nel 2012: è necessario quindi programmare per tempo i corsi necessari, anche in considerazione delle necessità produttive. Una buona gestione del piano formativo aziendale. è infatti la maniera intelligente per poter mantenere i livelli di competitività sul mercato e contemporaneamente rispondere agli obblighi di legge ed evitare spiacevoli conseguenze.

SCHEDA DI RIEPILOGO PER TUTTE LE FIGURE AZIENDALI

SE NON HAI GIA PROGRAMMATO LA FORMAZIONE CONTATTACI

Condividimi Facebooktwitterlinkedinmail
Posted in News and tagged , , , , , .